Logo
Federazione Nazionale
Agricoltura
Lunedž 25 Settembre 2017

click 960 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

14/04/2016 - COSí » Lí ASSEGNO SOCIALE?

Img

Una delle forme assistenziali più funzionali che le nostre Istituzioni  propongono è il sussidio rivolto a particolari fasce bisognose private delle essenziali forme di reddito. Il diritto a tale prestazione è accertato in base al reddito personale  e/o al reddito cumulato se il soggetto è coniugato, è ovviamente limitato nel tempo e la verifica dei requisiti avviene annualmente. Non è trasferibile a familiari e non è soggetto a trattenute irpef. L’assegno sociale si rivolge ad alcuni individui che abbiano i seguenti requisiti:

  • Essere privo di reddito o essere titolare di un reddito non superiore ai 5825,91 euro annui, per chi è coniugato il tetto sale al doppio dell’importo pari a 11649 euro;
  • Età anagrafica maggiore di 65 e 7 mesi;
  • Cittadinanza italiana;
  • Iscrizione al comune di residenza per i cittadini stranieri;
  • Titolarità del permesso di soggiorno CE per i cittadini extracomunitari di lungo periodo;
  • Residenza per almeno 10 anni nel territorio nazionale.

Se i requisiti richiesti risultano verificati il sussidio decorre dal 1° giorno successivo dalla presentazione della domanda,  è previsto un tetto massimo dell’erogazione, quale 448.07 euro per un totale di 13 mensilità. Qualora il soggetto sia coniugato è necessario effettuare un calcolo sulla base del reddito cumulato (che dovrà risultare inferiore al tetto massimo previsto dalla legge)e in questo caso verrà erogato un sussidio dato dalla differenza dei due importi.

Si precisa che la cifra intera dell’ammortizzatore sociale sarà erogata nei casi sotto elencati:

  • Soggetti non coniugati che non beneficiano di alcun reddito
  • Soggetti coniugati che abbiano un reddito familiare inferiore all’ammontare annuo dell’assegno

Inoltre si riportano le voci reddituali del soggetto e dell’eventuale coniuge che incidono nel calcolo dell’assegnazione:

  • redditi assoggettabili all’Irpef, al netto dell’imposizione fiscale e contributiva;
  • redditi esenti da imposta e redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta;
  • redditi soggetti ad imposta sostitutiva  e redditi di terreni e fabbricati;
  • pensioni di guerra;
  • rendite vitalizie erogate dall’Inail;
  • pensioni dirette erogate da Stati esteri, pensioni ed assegni erogati agli invalidi civili, ai ciechi civili, ai sordi;
  • assegni alimentari corrisposti a norma del codice civile.

Non si computano i TFR, le competenze arretrate, le indennità di accompagnamento, assegni vitalizi ad ex combattenti guerra 1915/1918, arretrati lavoro prestati all’estero. La domanda può essere presentata via telematica  tramite il web ( se titolari pin dispositivo inps), via telefonica o per mezzo dei patronati e intermediari d’istituto.

 

 

| PRIVACY | COOKIES |
Globus Srl