Logo
Federazione Nazionale
Agricoltura
- CHI SIAMO
- CONTATTI
- SEDI
Domenica 28 Maggio 2023
SERVIZI FNA

Questo documento puo' essere utilizzato dagli associati per la stampa e diffusione di materiale informativo (volantini, manifesti)
NEWS

click 50 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

24/05/2023 - FNA CAPOFILA DEL PROGETTO EMPOWERING WORKERS FOR A BETTER INFORMATION, CONSULTATION AND PARTICIPATION IN AGRICULTURE SECTOR (AGRI EW)

La FNA sarà capofila del progetto “Empowering Workers for a Better Information, Consultation and Participation in Agriculture Sector (AGRI – EW)”, sarà coadiuvata dalle associazioni rappresentati dei lavoratori e associazioni dei datori di lavoro, provenienti da 7 Paesi Ue di cui 5 membri Ue e 2 candidati ad entrarne a far parte (Macedonia del Nord e Serbia):

  1. Sindacato dei lavoratori agricoli nella Repubblica della Polonia
  2. Federazione delle Associazioni dei Giovani Imprenditori della Castiglia - La Mancha, Spagna
  3. Confederazione dei sindacati liberi della Macedonia
  4. Sindacato indipendente dei lavoratori della Slovenia
  5. Federazione degli imprenditori polacchi, Polonia
  6. Associazione Tecnica Industriale e del Commercio, Spagna
  7. Associazione per la promozione del cibo rumeno Romania
  8. Federazione sindacale nazionale "CERES" (FNS "CERES") Romania
  9. Associazione serba dei giovani agricoltori SUMP, Serbia
  10. As.N.A.L.I - Associazione Nazionale Autonoma Liberi Imprenditori , Italia

Il focus di questo progetto è quello di comprendere come migliorare la partecipazione dei lavoratori nel settore agricolo, con la raccolta e condivisione delle esperienze dei Paesi europei coinvolti nel progetto, con il coinvolgimento dei rappresentati dei lavoratori e dei datori di lavoro. L'obiettivo generale del progetto è facilitare l'impegno dei lavoratori nel processo decisionale per adattarsi alle nuove sfide portate dalla crisi pandemica nell'organizzazione del lavoro, implementando meccanismi di informazione, consultazione e partecipazione, e promuovere la piena attuazione del Pilastro europeo dei Diritti Sociali sostenuto dal Green Deal e garantire che nessuno resti indietro nella ripresa dell'Europa post pandemica.

Il lavoro si articolerà in diversi momenti di studio: dalla raccolta e analisi dei casi di studio nazionali, con metodologia unificata da consentire il confronto tra i Paesi partner, alla definizione di una piattaforma di e-learning, a partire dalla pubblicazione dei dati che saranno raccolti sulla condizione di partecipazione dei lavoratori all’interno delle aziende presso cui sono impiegati, come il loro ruolo può essere rafforzano nella vita aziendale, quale sia il ruolo dei rappresentati dei lavoratori e dei datori di lavoro. Il tutto nell’ottica di attuazione del Green Deal europeo che sia sostenibile non solo a livello ambientale ma anche a livello lavorativo.

L’importanza di eseguire un’analisi in diversi territori europei permetterà di attivare e attuare la cooperazione transnazionale tra i partner partecipanti, al fine di meglio comprendere come sostenere e promuovere la partecipazione attiva alla vita aziendale dei lavoratori del settore agricolo attraverso la diffusione della consapevolezza sul proprio ruolo e quello dei propri rappresentanti aziendali.

Cosa si può fare per migliorare la partecipazione dei lavoratori in agricoltura, settore che sta attraversando fasi di profondo cambiamento dalla post pandemia, non ultimo il problema della carenza di risorse, e gli straordinari eventi ambientali?

L’intento di questo percorso di approfondimento è individuare le best pactice emerse dalle esperienze raccolte, raccomandazioni destinate ai lavoratori ma anche ai datori di lavoro su come rendere più efficace, partecipativo e inclusivo il coinvolgimento dei dipendenti nei meccanismi aziendali. Il coinvolgimento contestuale tra le due parti sociali, le associazioni dei rappresentati i lavoratori e le associazioni dei rappresentati dei datori di lavoro si iscrive nell’ottica di individuare una soluzione congiunta e condivisa tra le parti, ma soprattutto socialmente responsabile rispetto alla natura mutevole che il lavoro nel settore agricolo sta assumendo, in vista dell’attuazione del Green Deal europeo.

Non solo protezione dell’ambiente, uso efficiente delle risorse naturali, transizione energetica ed ecologica, ma anche e soprattutto transizione sociale e sostenibilità lavorativa.

 

Brochure informativa 

 

| PRIVACY | COOKIES |
Globus Srl